zenzero controindicazioni farmaci

Lo zenzero presenta controindicazioni ed effetti collaterali come ogni altro integratore fitoterapico e quindi è importante conoscerli per evitarli. Numerosi sono i benefici di questa radice usata come spezia da migliaia di anni in Oriente:

  • Migliora la digestione
  • Previene il raffreddore
  • Calma il mal di gola
  • Allevia la nausea
  • Riduce i dolori articolari
  • Abbassa la pressione
  • Calma i dolori mestruali
  • Allevia il mal di testa
  • Calma la tosse
  • Distende i muscoli
  • Combatte la dissenteria
  • Abbassa il colesterolo

Tuttavia per svolgere queste azioni benefiche può indurre controindicazioni in alcune condizioni di salute particolari e interagire con determinati farmaci.

Dose giornaliera dello Zenzero

Adulti. La dose giornaliera consentita è di 4 grammi di zenzero fresco oppure 3 grammi di zenzero disidratato o in polvere.

Bambini. I bambini fino a 14 anni dovrebbero...

... assumere una dose pari alla metà degli adulti ovvero: 2 grammi di zenzero fresco e 1 grammo di zenzero in polvere.

Gravidanza. Secondo il parere di alcuni medici la dose giornaliera di zenzero in gravidanza non deve superare 1 grammo di zenzero in polvere (2 grammi fresco) al giorno.

Controindicazioni dello Zenzero

Lo zenzero può dare controindicazioni in alcune condizioni di salute:

Gravidanza. Lo zenzero è ritenuto sicuro in gravidanza. Viene solitamente usato per trattare la nausea mattutina. L’unica indicazioni è che possa aumentare il rischio di sanguinamento, quindi alcuni esperti sconsigliano di usarlo vicino alla data del parto. Come con qualsiasi farmaco somministrato durante la gravidanza, è importante valutare il rapporto rischi/benefici. Prima di usare lo zenzero durante la gravidanza, parlane con il tuo medico.

Allattamento. Non ci sono studi che dimostrano che sia sicuro (e neanche insicuro) nella fase di allattamento.

Disturbi emorragici. Assumere lo zenzero potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento.

Disturbi cardiaci. Alte dosi di zenzero possono peggiorare alcune condizioni cardiache.

Ulcera allo stomaco. In caso di ulcera allo stomaco, magari avuta anche in passato, consumare ingenti quantità di zenzero potrebbe provocare bruciore di stomaco.

Intervento chirurgico. Sebbene lo zenzero talvolta venga adoperato prima o anche successivamente ad interventi chirurgici, per lo più come rimedio naturale contro la nausea provocata dai farmaci anestetici, è bene evitare il consumo di zenzero soprattutto nei giorni o nelle settimane che precedono un’operazione perché può favorire emorragie ed ematomi.

Ipertiroidismo. Lo zenzero stimola il metabolismo e il sistema cardiocircolatorio e quindi può non essere indicato in caso di ipertiroidismo. E’ ottimo invece nell’ipotiroidismo.

Calcoli biliari. Lo zenzero può essere un problema per chi ha calcoli biliari. In grandi quantità, lo zenzero potrebbe aumentare il flusso della bile, e se ci sono calcoli di grandi dimensioni, potrebbero bloccare un dotto biliare.

Interazioni dello Zenzero con i Farmaci

Diabete. Lo zenzero potrebbe aumentare i livelli di insulina e / o abbassare leggermente il livello di zucchero nel sangue. Di conseguenza può interagire lievemente con i farmaci per il diabete che svolgono funzioni analoghe.

Pressione alta. Lo zenzero abbassa leggermente la pressione arteriosa. Consumare considerevoli quantità di zenzero e assumere contemporaneamente farmaci che agiscono per abbassare la pressione potrebbe portare ad un eccessivo abbassamento dei valori della pressione.

Anticoagulanti. Lo zenzero riesce a rendere il sangue più fluido e quindi a stimolare la circolazione e a favorire una migliore dilatazione dei vasi. Migliorando la circolazione, lo zenzero esercita contemporaneamente un’azione anticoagulante, ovvero previene la formazione di coaguli nel sangue. Alcuni farmaci anticoagulanti sono: aspirina, clopidogrel (Plavix), diclofenac (Voltaren, Cataflam, altri), ibuprofene (Advil, Motrin, altri), naprossene (Anaprox, Naprosyn, altri), dalteparina (Fragmin), enoxaparina (Lovenox) , eparina, warfarin (Coumadin).

Antinfiammatori. Alcuni farmaci antinfiammatori agiscono anche come anticoagulanti e quindi andrebbero evitati con lo zenzero. Questi farmaci sono ad esempio aspirina, ibuprofene e diclofenac.

In conclusione. Lo zenzero è una pianta medicinale usata da migliaia di anni nelle tradizioni orientali e può apportare numerosi benefici alla salute. Tuttavia, come ogni fitoterapico, è importante conoscere le interazioni e gli effetti collaterali che possono manifestarsi in alcune condizioni particolari.

Per approfondire sull’uso delle zenzero:

Come fare la tisana di limone e zenzero per avere questi 7 benefici

I benefici dello Zenzero per stomaco e digestione

Studio Scientifico: Lo Zenzero è meglio dell’Ibuprofene e Cortisone

Riferimenti
GINGER. Side Effects and Interactions – WebMd.com

Registrati per
continuare a leggere
Compila il form qui sotto con il tuo nome ed email e potrai leggere gratuitamente più di 2000 articoli approfonditi sul benessere naturale. Avrai inoltre accesso esclusivo a 4 eBook gratuiti e al nostro gruppo di supporto.
Accetto la Privacy Policy

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni