casa vuota

“Un monaco chiese a Lung-ya: «Che cosa raggiunsero gli antichi maestri quando entrarono nella fase finale?». «Erano come scassinatori...

... che si introducono di soppiatto in una casa vuota», fu la risposta”.

Commento del compilatore del koan Genrō Ōryū.

Camminò sulla lama di una spada;
mise il piede sul ghiaccio di un fiume gelato;
entrò nella casa disabitata;
il suo desiderio di rubare cessò per sempre.
Tornò alla propria casa,
vide i bellissimi raggi del sole del mattino,
e osservò intimamente la luna e le stelle.
Camminò nelle strade con facilità,
godendosi la dolce brezza.
Alla fine aprì la sua stanza del tesoro.
Fino a quel momento non aveva mai immaginato
di possedere quei tesori fin dall’inizio.

Tratta dalla raccolta di koan Tetteki Tōsui:

Registrati per
continuare a leggere
Compila il form qui sotto con il tuo nome ed email e potrai leggere gratuitamente più di 2000 articoli approfonditi sul benessere naturale. Avrai inoltre accesso esclusivo a 4 eBook gratuiti e al nostro gruppo di supporto.
Accetto la Privacy Policy

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni