Il-primo-respiro-racconta-la-nascita

“Il primo respiro” racconta la nascita, la simbiosi tra madre e figlio, l’ancestrale capacità della donna di dare la vita e di dare alla luce. Un documentario che vale la pena vedere.

Mostra come viene affrontato il momento della nascita nelle differenti culture. Il regista Gilles de Maistre ha effettuato una sorta di viaggio attraverso le culture della nascita, filmando la venuta al mondo di neonati americani, messicani, brasiliani, francesi, nigeriani, tanzaniani,...

... indiani, vietnamiti, giapponesi e russi. Le ambientazioni sono naturali, i personaggi reali e le situazioni estremamente precise. Non c’è alcuna ricostruzione, ma un unico intento: mostrare la storia vera, vissuta così come si svolge nella realtà. E’ un film-documentario che mostra la forza delle donne nel miracolo della nascita.

Il 29 marzo 2006 si è verificata un’eclissi di sole visibile dal nostro pianeta. Mentre il sole lentamente si oscurava, le donne protagoniste del film hanno dato la vita ai loro bambini. Ognuna secondo le proprie tradizioni o scelte. Il film racconta la storia del primo respiro che dà inizio alla vita, ma anche l’importanza che il parto ha per la donna. Partire per un insolito viaggio in giro per il mondo con l’unico obiettivo di esplorare l’universo delle nascite, tanto vario quanto i popoli che vivono su questa terra: è questo l’obiettivo del film. Le ambientazioni sono naturali, i personaggi reali e le situazioni estremamente precise. Non c’è alcuna ricostruzione, ma un unico intento: mostrare la storia vera, vissuta così come si svolge sotto i nostri occhi.
La Natura come ambientazione:
L’acqua, il deserto, il ghiaccio, la giungla. Dalle sabbie calde del deserto dei Tuareg al candore della tundra siberiana; dalle terre selvagge dei Masai ai locali notturni di Parigi; dall’America militante alla foresta amazzonica; dalla bellezza sacra del Gange al Giappone tradizionale; dai popolosi ospedali vietnamiti al pacifico delfinario messicano: il film ha come ambientazione il pianeta stesso.
Il Sole Nero come fonte di luce:
I destini di tutti i nostri personaggi si compiono in un lasso temporale di 48 ore e la loro storia ruota intorno ad un’unica giornata: il 29 marzo 2006.
Una sceneggiatura in movimento:
La sceneggiatura è stata scritta partendo da un’inchiesta giornalistica che costituisce la base del film e diventa la sua colonna vertebrale.
La storia della Vita, la storia delle nostre vite …
Il film comunica attraverso le immagini tutta la poesia del passaggio: la donna che diventa madre, l’uomo che diventa padre, il bambino che entra nella vita.

Il documentario

Registrati per
continuare a leggere
Compila il form qui sotto con il tuo nome ed email e potrai leggere gratuitamente più di 2000 articoli approfonditi sul benessere naturale. Avrai inoltre accesso esclusivo a 4 eBook gratuiti e al nostro gruppo di supporto.
Accetto la Privacy Policy

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni