melatonina benefici

La melatonina è l’ormone del sonno essenziale per regolare il ritmo circadiano e promuovere un sano riposo, e agisce anche come efficace antiossidante, antinvecchiamento, antitumorale e può contrastare disturbi ormonali, reflusso, emicrania, degenerazione maculare, distubi della fertilità e oncologici.

Cos’è la melatonina

La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale nel cervello, a partire dal triptofano (un amminoacido) o dalla serotonina (un neurotrasmettitore noto anche come “ormone del buon umore”) quando siamo al buio. Quando siamo esposti alla luce, sia solare che artificiale, la luce entra negli occhi e dal nervo ottico arriva un messaggio alla ghiandola pineale che ne blocca la produzione. Quando siamo al buio, la secrezione della melatonina non è più bloccata, e la ghiandola pineale ha il via libera per produrla.

Viene prodotta in misura minore anche da altri organi come lo stomaco e la retina degli occhi.

È anche disponibile come integratore a diversi dosaggi da molti anni, usato per trattare diverse condizioni di salute, principalmente quelle legate ai disturbi del sonno.

Ma non è l’unico uso, numerose ricerche hanno scoperto che può influenzare in modo significativo molte condizioni di salute. In effetti, gli studi dimostrano che la melatonina può migliorare la salute degli occhi, ridurre i sintomi della depressione stagionale, fornire sollievo dal reflusso acido ed è usata anche in campo oncologico.

Funzioni della melatonina

La melatonina ha molte importanti funzioni nel corpo, tra cui:

  • Responsabile della regolazione del ritmo circadiano
  • Modula il sistema immunitario
  • Sostiene la funzione degli occhi
  • Riduce lo stress ossidativo
  • Favorisce il sonno
  • Controlla molti eventi cellulari, inclusa la sintesi di importanti molecole
  • Promuove la crescita sana delle cellule
  • Protegge dalle radiazioni
  • Inibisce la crescita di diverse linee cellulari cancerose
  • Influenza l’attività sessuale e la fertilità

Benefici dimostrati della melatonina

1. Insonnia e disturbi del sonno. È uno degli aiuti per dormire più popolari e un rimedio naturale comune per trattare problemi come l’insonnia. Diversi studi hanno dimostrato che la melatonina può supportare un sonno migliore. Uno studio su 50 persone con insonnia ha mostrato che l’assunzione di melatonina due ore prima di andare a letto ha aiutato le persone ad addormentarsi più velocemente e ha migliorato la qualità generale del sonno. Un’altra ampia analisi di 19 studi su bambini e adulti con disturbi del sonno ha rilevato che la melatonina ha ridotto la quantità di tempo necessaria per addormentarsi, aumentato il tempo totale di sonno e migliorato la qualità del sonno.

2. Disturbi ormonali, Endometriosi e PCOS (ovaio policistico). La melatonina può esibire forti effetti sul sistema riproduttivo e l’attività degli ormoni femminili estrogeni e progesterone è strettamente legata alla sua regolazione del ciclo sonno-veglia. Ritmi biologici anormali e disturbi del ciclo sonno-veglia sono spesso una caratteristica primaria della depressione periodica, un’altra caratteristica comune della sindrome premestruale. Gli squilibri di melatonina sono stati specificamente collegati alla sindrome premestruale. La melatonina ha mostrato risultati promettenti per ridurre il dolore nell’endometriosi. In uno studio su 40 donne in età riproduttiva, 10 mg di melatonina al giorno hanno ridotto i punteggi del dolore e la dismenorrea di quasi il 40% ciascuno. Le donne che assumevano melatonina usavano anche meno antidolorifici. Una recente review sull’uso della melatonina nella sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) che ha analizzato 15 studi clinici ha concluso che “la somministrazione di melatonina può migliorare la qualità dell’ovocita e dell’embrione nei pazienti con PCOS. Può anche avere effetti benefici nel correggere le alterazioni ormonali nei pazienti con PCOS.” E nell’abstract spiegano: “La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo endocrino diffuso, che colpisce circa il 20% delle donne in età riproduttiva. È associato a iperandrogenismo, obesità, irregolarità mestruali e infertilità anovulatoria. La melatonina è il principale ormone della ghiandola pineale coinvolto nella regolazione del ritmo circadiano. Negli ultimi anni è stata osservata una riduzione dei livelli di melatonina nel liquido follicolare nei pazienti con PCOS. I recettori della melatonina nell’ovaio e nel liquido intra-follicolare regolano la secrezione di steroidi sessuali nelle diverse fasi della maturazione follicolare ovarica. Inoltre, la melatonina è un potente antiossidante e un efficace scavenger di radicali liberi, che protegge i follicoli ovarici durante la maturazione follicolare.”

3. Salute degli occhi, glaucoma, retinopatia e degenerazione maculare. La melatonina è ricca di antiossidanti che possono aiutare a prevenire il danno cellulare e mantenere gli occhi sani. In effetti, la ricerca suggerisce che la melatonina potrebbe essere utile nel trattamento di condizioni come il glaucoma e la degenerazione maculare senile.  In uno studio su 100 persone con degenerazione maculare senile, l’integrazione con 3 mg di melatonina per 6-24 mesi ha aiutato a proteggere la retina, ritardare i danni legati all’età e preservare la chiarezza visiva. Inoltre, uno studio su modello animale ha scoperto che la melatonina ha ridotto la gravità e l’incidenza della retinopatia, una malattia dell’occhio che colpisce la retina e può provocare la perdita della vista.

4. Acufeni. In uno studio, la melatonina è stata 150 volte più efficace rispetto ad altri farmaci che trattano l’acufene riducendo i sintomi dell’acufene. Nei pazienti anziani con acufene, i livelli di melatonina sono molto bassi. Ciò può indicare secondo i ricercatori che i suoi livelli sono collegati alla normale attività dell’orecchio.

5. Ulcera e reflusso gastroesofageo (GERD). La concentrazione di melatonina nei tessuti dello stomaco è da 10 a 100 volte superiore a quella del sangue secondo la ricerca. Le sue concentrazioni sono 400 volte superiori nell’intestino che nel cervello. La melatonina e il suo precursore L-triptofano possono aiutare a guarire le ulcere gastriche, proteggere dalle lesioni causate dall’aspirina e dalle infezioni da H. pylori, infatti è stato osservato che la somministrazione di melatonina accelera la guarigione delle ulcere. I ricercatori nella ricerca affermano: “Concludiamo che la melatonina o il triptofano aggiunti al trattamento con omeprazolo, accelera significativamente il tasso di guarigione delle ulcere gastroduodenali croniche infette da H. pylori rispetto a quello ottenuto con il solo omeprazolo e questo probabilmente dipende dal significativo aumento della melatonina plasmatica e forse anche dei livelli di leptina, entrambi gli ormoni coinvolti nel meccanismo di gastroprotezione e di guarigione dell’ulcera.” La melatonina rafforza la barriera intestinale riducendo lo stress ossidativo fino all’88% secondo uno studio. Ha prevenuto in modo dose-dipendente il danno allo stomaco indotto dallo stress e ha aumentato l’efficacia dei farmaci che trattano l’ulcera gastrica, la ranitidina e l’omeprazolo. Le sue proprietà antiossidanti possono aiutare a fermare l’infiammazione nello stomaco. Questi effetti possono aiutare a proteggere da disturbi come colite, sindrome dell’intestino irritabile e persino vari tipi di cancro, affermano i ricercatori. È stato dimostrato che la melatonina può essere utilizzata per trattare il bruciore di stomaco e il reflusso dato che aiuta a far sì che l’acido rimanga nello stomaco e non fuoriesca dallo sfintere esofageo inferiore.

6. Fertilità. Una review sulla relazione tra melatonina e fertilità spiega che nonostante la ricerca scientifica sia ancora agli albori, ci sono numerose prove positive che dimostrano che la melatonina favorisce la fertilità sia maschile che femminile. In uno studio citato, la somministrazione orale di melatonina ha ridotto il danno ossidativo agli ovociti e aumentato i tassi di fecondazione. In altri è stato osservato che la melatonina può migliorare il movimento generale degli spermatozoi in caso di esposizione diretta. Può anche inibire la morte cellulare nello sperma e migliorare la qualità complessiva dello sperma, aumentando quindi la probabilità di successo della fecondazione. In uno studio in vitro è stato osservato che dosi eccessive sono dannose per gli ovociti, con i migliori risultati avuti con 3mg negli studi clinici.

7. Cancro. Sono stati pubblicati numerosi studi sulla relazione tra cancro e melatonina, in particolare è stato osservato che la melatonina ha migliorato alcuni indicatori di salute nei pazienti con cancro della prostata, al seno e del colon-retto. Ha ridotto la diffusione dei tumori e aumentato la morte delle cellule tumorali. È stato osservato che i pazienti con cancro al seno, alla prostata e al colon-retto hanno livelli di melatonina più bassi rispetto ai pazienti sani. Secondo gli autori una possibile spiegazione dell’aumento dei tassi di cancro negli ultimi 100 anni è proprio l’esposizione alla luce artificiale che ha ridotto la produzione di melatonina nel corpo e quindi abbassato la sua azione anticancro. Una recente review ha spiegato l’azione anticancro della melatonina: “I meccanismi sottostanti includono l’attività antiossidante, la modulazione dei recettori della melatonina MT1 e MT2, la stimolazione dell’apoptosi, la regolazione del segnale pro-sopravvivenza e il metabolismo del tumore, l’inibizione dell’angiogenesi, la metastasi e l’induzione dell’alterazione epigenetica. La melatonina potrebbe anche essere utilizzata come coadiuvante delle terapie antitumorali, rafforzando gli effetti terapeutici e riducendo gli effetti collaterali delle chemioterapie o delle radiazioni. La melatonina potrebbe essere un ottimo candidato per la prevenzione e il trattamento di diversi tumori, come il cancro al seno, il cancro alla prostata, il cancro gastrico e il cancro del colon-retto.”

8. Emicrania. Lo studio pubblicato sulla rivista Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry ha messo a confronto 3 mg di melatonina, 25 mg di amitriptilina (farmaco per l’emicrania) e il placebo con lo scopo di valutare gli effetti sulla prevenzione dell’emicrania. I ricercatori hanno cercato di indagare se la melatonina possa essere un’alternativa all’amitriptilina, farmaco comunemente prescritto che ha molti effetti collaterali. Infatti bassi livelli di melatonina sono stati misurati in coloro che soffrono di attacchi di emicrania, che può spiegare perché colmare questa lacuna con l’integrazione di melatonina può quindi esercitare un miglioramento. I ricercatori hanno scoperto che: “La melatonina 3 mg è migliore del placebo per la prevenzione dell’emicrania, più tollerabile dell’amitriptilina ed efficace quanto l’amitriptilina 25 mg.” e continuano “La melatonina è stata superiore all’amitriptilina nella percentuale di pazienti con una riduzione superiore al 50% della frequenza di emicrania. La melatonina è stata meglio tollerata dell’amitriptilina. La perdita di peso è stata riscontrata nel gruppo melatonina, un leggero aumento di peso nel placebo e significativo aumento di peso per gli utenti con amitriptilina.

9. Jetlag. Il jet lag, noto come desincronizzazione circadiana, è una condizione in cui i segnali ambientali sono in conflitto con il modello esistente di un individuo. Questo accade quando prendiamo un volo aereo e viaggiamo in un luogo in cui l’orario è molto diverso dal nostro. Ovvero c’è una discrepanza tra il ritmo circadiano naturale del corpo e l’ambiente esterno a causa del viaggio attraverso i fusi orari: magari se fossimo a casa sarebbero le 7 del mattino mentre ora ci ritroviamo in un posto dove è mezzanotte, quindi il nostro corpo è desincronizzato.  Siamo a letto che vorremmo rilassarci e dormire perché è mezzanotte, ma il nostro orologio interno è ancora sincronizzato sulle sette del mattino quindi in pieno carico per iniziare la giornata. Uno studio ha scoperto che l’assunzione di “melatonina è notevolmente efficace nel prevenire o ridurre il jet-lag e l’uso occasionale a breve termine sembra essere sicuro. Dovrebbe essere raccomandato ai viaggiatori adulti che volano attraverso cinque o più fusi orari, in particolare in direzione est, e soprattutto se hanno sperimentato il jet-lag nei viaggi precedenti. Se necessario, possono utilizzarlo anche i viaggiatori che attraversano 2-4 fusi orari.”

10. Antiossidante e cervello. La melatonina non è solo un ormone del sonno, ma un potente antiossidante. Nel cervello, la melatonina è dimostrato che stimola il sistema glinfatico ad iniziare la sua pulizia notturna, lavando i rifiuti metabolici e le sostanze chimiche pericolose dai delicati tessuti dei nostri neuroni. Si ritiene che questa sia la ragione per cui la melatonina può prevenire o rallentare il progresso di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Inoltre, iniziare la giornata con un cervello “pulito” è probabilmente il motivo per cui le persone con un sonno di alta qualità hanno prestazioni cognitive migliori e hanno una memoria migliorata.

melatonina-acquista

Integratore di melatonina suggerito. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Ulteriori benefici che al momento sono indagati su modello animale e potrebbero riflettersi anche come benefici nell’uomo col progredire della ricerca sono:

  • Alzheimer
  • Parkinson
  • Disturbi dell’umore
  • Diabete
  • Malattie cardiovascolari

Controindicazioni ed effetti collaterali

La ricerca mostra che la melatonina è sicura e non crea dipendenza sia per l’uso a breve che a lungo termine negli adulti.

Inoltre, nonostante le preoccupazioni che l’integrazione con la melatonina possa ridurre la capacità del corpo di produrla naturalmente, diversi studi mostrano il contrario (1, 2).

Tuttavia, poiché gli studi a lungo termine sugli effetti della melatonina sono limitati agli adulti e non è stata fatta abbastanza ricerca sui bambini per consigliarla con sicurezza in questa fascia d’età, consultare quindi il proprio pediatra.

Le donne che desiderano una gravidanza dovrebbero essere caute quando assumono integratori di melatonina, poiché potrebbe inibire l’ovulazione a dosi elevate. Gli effetti a lungo termine della melatonina sul feto in via di sviluppo sono sconosciuti, non è quindi stata stabilità la sicurezza in gravidanza.

Alcuni degli effetti collaterali più comunemente riportati associati alla melatonina includono nausea, mal di testa, vertigini e sonnolenza. A causa della sua tendenza a causare sonnolenza, le persone non devono guidare o utilizzare macchinari pesanti per cinque ore dopo l’assunzione di melatonina.

La melatonina può anche interagire con alcuni farmaci, inclusi antidepressivi, fluidificanti del sangue e farmaci per la pressione sanguigna. Se stai assumendo uno di questi farmaci, parla con il tuo medico prima di assumere la melatonina per prevenire effetti avversi.

Condizioni caratterizzate da bassa melatonina

Bassi livelli di melatonina sono stati osservati nelle persone con:

  • insonnia
  • depressione stagionale
  • disturbo bipolare, hanno bassi livelli di melatonina durante la notte e alti livelli al mattino, al contrario di quanto dovrebbe essere.
  • sindrome premestruale
  • ansia
  • schizofrenia
  • emicrania
  • cancro al seno o alla prostata
  • ridotto flusso sanguigno nel cuore
  • malattia di Alzheimer e altre demenze

Cause di bassa melatonina

La ghiandola pineale, che si trova nel cervello, produce melatonina. La quantità di melatonina nel sangue dipende dall’ora del giorno. Di notte è dimostrato che c’è da 10 a 15 volte più melatonina nel sangue che c’è durante il giorno, che aiuta le persone a dormire.

Diverse cause possono ostacolare o ridurre il rilascio ciclico della melatonina:

  • jet lag
  • lavoro notturno
  • poche ore di sonno
  • esposizione alla luce di notte
  • bassa esposizione alla luce solare di giorno
  • carenze alimentari (le carenze di folati, magnesio e zinco sono legate a una riduzione della melatonina)
  • stress cronico
  • invecchiamento
  • menopausa

Se la produzione di melatonina di notte è interrotta dall’esposizione alla luce, specialmente quella a spettro blu degli schermi di smartphone, computer e tv, i livelli di melatonina diminuiscono drasticamente [1, 2, 3]. Più è intensa la luce, più veloce è la riduzione di melatonina.

L’esposizione alla luce a spettro blu di notte segnala al corpo che è giorno, di conseguenza, alterando il ritmo circadiano, che è cruciale per molti processi corporei. Per seguire il ritmo circadiano, è importante sia ottenere la luce del sole durante il giorno che evitare la luce artificiale di notte.

Inoltreè dimostrato che i livelli di melatonina diminuiscono con l’età. Col passare degli anni la produzione di melatonina diminuisce significativamente. Questo secondo gli scienziati sembra essere dovuto alla calcificazione della ghiandola pineale e dei vasi comunicanti con essa.

Per questo motivo gli anziani hanno il picco della melatonina più tardi, verso la mezzanotte e cessa comunque all’alba. Inoltre la quantità di melatonina prodotta in questa fascia oraria ridotta è 5 volte inferiore rispetto a quella presente in un adulto sano.

Di conseguenza, le persone anziane hanno un rilascio di melatonina per un periodo troppo breve ed in quantità sempre più scarsa.

La melatonina sembra anche essere un segnale che le nostre cellule usano per riparare il DNA dallo stress ossidativo della giornata. Questo è fondamentale perché il danno al DNA nel tempo può causare il cancro. Di conseguenza, le persone che hanno un ritmo circadiano disregolato hanno maggiori probabilità di sviluppare determinati tipi di cancro. Questo legame è così forte che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito probabile cancerogeno (Gruppo 2A, insieme a formaldeide e glifosato) il lavoro a turni serali.

Uno dei rimedi proposti come più efficienti per contrastare questo fenomeni associati a bassa melatonina e ciclo circadiano disregolato è l’assunzione di un integratore di melatonina per mimare il suo andamento sano nella giovinezza.

Dosaggio

La melatonina secondo gli studi condotti e l’esperienza clinica, può essere assunta in dosi di 0,3-10 mg al giorno. Fa eccezione l’uso in campo oncologico dove sono spesso usate dosi molto maggiori.

Se si sta usando la melatonina per migliorare la qualità del sonno, l’ideale è prenderla 30 minuti prima di andare a dormire e ridurre al contempo l’esposizione alla luce artificale sia domestica che di apparecchi elettronici.

Se invece è usata per correggere il ritmo circadiano e stabilire un programma di sonno più regolare, negli studi è stata fatta assumere circa 2-3 ore prima di andare a letto, sempre cercando di ridurre al contempo l’esposizione alla luce artificale sia domestica che di apparecchi elettronici.

Fare sempre riferimento al medico prima di assumerla e per il dosaggio nel proprio caso.

melatonina-acquista

Integratore di melatonina suggerito. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Testimonianze

Di seguito sono riportate le recensioni lasciate dalle persone che usano la melatonina 3mg sul prodotto acquistato online (sono tratte e tradotte da Amazon USA dove il prodotto è più diffuso e ha centinaia di recensioni positive).

“Un’altra delle mie marche preferite di integratori per la salute. Funziona davvero su di me in breve tempo. Lo alterno con altre tisane per dormire. Questo integratore non ha effetti collaterali negativi su di me e mi dà una buona notte di sonno.”

“Mio figlio è nello spettro dell’autismo e ha enormi difficoltà a regolare il sonno. La melatonina non è la stessa di tutti i produttori e dobbiamo aver provato una dozzina di marche diverse prima di scoprire questa. Non posso che elogiare la qualità del sonno che sperimenta quando la prende (cosa che fa ogni notte). È una differenza come il giorno e la notte rispetto ad altre marche!”

“Funziona! Il fatto è che la melatonina non è un sonnifero, ma più come un aiuto per dormire. Funziona insieme al ritmo circadiano del tuo corpo, che è l’orologio interno del tuo corpo che ti consente di sapere quando è ora di dormire, svegliarsi e mangiare. Quindi, se lo prendi durante la notte e ti aspetti semplicemente di iniziare a sentirti stanco, molto probabilmente non funzionerà.
Ad esempio, la luce sopprime la produzione di melatonina. Quindi, se ti piace stare al telefono di notte, almeno mettilo in modalità notte per bloccare la luce blu. Cose come questa fanno la differenza!
Prendi questo e inizia a rilassarti per andare a letto. Sdraiati a letto con le luci spente, o almeno quelle dure. Leggi un po’. Meditare. Oppure fai un po’ di yoga notturno. Inizia a rilassarti. Poi sentirai l’effetto.”

“Queste cose sono salvavita. Mi sono appena trasferito in una strada trafficata e dormivo così poco che mi sentivo uno zombie a tempo pieno. Mi ci sono voluti alcuni mesi per rendermi conto che avevo bisogno di aiuto, quindi alla fine ho acquistato la misura da 3 mg. Funzionano alla grande! Mi buttano fuori in 20-30 minuti e finalmente dormo tutta la notte. Ancora meglio, dopo averli usati per alcune settimane, ho notato che ne ho bisogno di meno. Ne prendo ancora una ogni tanto quando mi sento irrequieto, ma funzionano sempre! Nemmeno io mi sento intontito al mattino, quindi è fantastico.”

“Questo integratore è incredibile. Vorrei averne sentito parlare prima. consigliato dal mio farmacista. funziona come un incantesimo!!! mi fa dormire come un bambino (ho l’insonnia). prendilo e vai subito a letto senza toccare nessun dispositivo elettronico, ti addormenterai in circa 15 minuti.”

melatonina-acquista

Integratore di melatonina suggerito. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni