Nave da guerra cineseSecondo un rapporto pubblicato dal sito russo del Telegrafist.org, la Cina avrebbe inviato delle navi da guerra sulle coste della Siria per “osservare” da vicino la situazione di tensione creatasi tra USA e Russia a causa di un probabile attacco americano alla Siria previsto per la prossima settimana.

Stando a quanto dichiarato dal notiziario infatti, le navi cinesi non sono state inviate per ingaggiare combattimenti ma solo per...

... “osservare” le azioni delle navi da guerra russe e americane.

Il Cremlino da parte sua sta rafforzando la presenza della propria flotta militare nell’est del Mediterraneo. Nel frattempo i mass-media americani hanno completamente censurato le ammissioni dei ribelli siriani sull’aver fatto uso delle armi chimiche durante l’attacco del mese scorso.

Fonte: altrainformazione.it

 

Barack ObamaUn nuovo rapporto del ministero degli esteri di Mosca afferma che ci sono prove sul fatto che il 19 marzo scorso l’attacco in Siria fu effettuato dai ribelli appoggiati dagli americani.

Un nuovo rapporto che circola stasera sul web in Russia afferma che ci sono prove sul fatto che il 19 marzo scorso l’attacco chimico in Siria fu effettuato dai ribelli siriani appoggiati dagli americani.

Il documento è stato reso pubblico dal ministero degli Esteri russo. In particolare, i risultati del report affermano che i gusci di armi chimiche sono molto diversi da quelli standard delle armi utilizzate dall’esercito siriano e molto simili a quelli in mano ai ribelli finanziati dagli Stati Uniti, sostiene Mosca.

Ma forse il passo più importante del rapporto pubblicato dal ministero degli esteri della Russia, è il passo in cui viene ricordato che “adesso la via è asfaltata per un’azione militare” tramite il sistema di addossare la colpa su Assad per lanciare gli attacchi, nonostante prove che dimostrano il contrario.

In realtà, i funzionari siriani hanno ufficialmente dichiarato in passato che le prove presentate alle Nazioni Unite mostravano come ci fossero informazioni che puntavano verso i ribelli in quanto autori degli attacchi.

Questo rapporto adesso ridà forza alla tesi del regime dittatoriale di Assad (che ha sulla coscienza – mai dimenticarlo – 100.000 morti e 2 milioni di esuli) e a coloro che sostengono: “Quale sarebbe stato il reale interesse di Assad nel portare a termine un attacco a basi di armi chimiche creando un caos genere”?

Fonte: wallstreetitalia.com

 

Fonte: ecplanet.com

Registrati per
continuare a leggere
Compila il form qui sotto con il tuo nome ed email e potrai leggere gratuitamente più di 2000 articoli approfonditi sul benessere naturale. Avrai inoltre accesso esclusivo a 4 eBook gratuiti e al nostro gruppo di supporto.
Accetto la Privacy Policy

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni