insetti stanno scomparendo

Gli scienziati hanno scoperto che il numero di insetti sul nostro pianeta sta precipitando pericolosamente con impatti devastanti sul nostro ecosistema.

Una squadra di ricercatori provenienti da Germania, Olanda e Gran Bretagna ha scoperto che in Germania il numero di insetti alati nelle aree protette è diminuito del 75%. Dal 1989 grazie all’uso di alcune trappole a rete gli entomologi hanno raccolto più di 1500 campioni di insetti in 63 regioni della Germania. Gli specialisti hanno stabilito che il peso totale degli insetti catturati è diminuito del 76% negli ultimi 27 anni. Gli scienziati affermano che, sebbene queste rilevazioni siano avvenute in parchi naturali, questi dati sono validi per tutte le aree in cui è sviluppata l’agricoltura.

Rappresenta una grave minaccia per la vita sulla...

... Terra, dato l’importante ruolo che questi essere viventi ricoprono nella catena alimentare e nell’impollinazione delle piante. Gli insetti giocano un ruolo cruciale nel funzionamento dell’ecosistema, impollinando l’80% delle piante e fornendo una fonte alimentare per il 60% degli uccelli. Ricerche precedenti aveva già mostrato un modello complessivo di declino della diversità e abbondanza di insetti, ma si erano concentrate su singole specie o gruppi tassonomici piuttosto che monitorare la biomassa di insetti in un ampio periodo.

Lo studio, pubblicato il 18 Ottobre sulla rivista scientifica Plos One, è stato guidato dal Prof. Caspar Hallmann della Radboud University, in Olanda. Per ottenere una migliore comprensione dell’estensione e delle cause del declino degli insetti, Hallmann e colleghi hanno misurato la totalità della biomassa di insetti volanti usando le trappole di Malaise, dispiegate per oltre 27 anni in 63 aree naturali protette in Germania. Hanno scoperto che la media della biomassa di insetti è diminuita del 76% (fino all’82% in estate) in soli 27 anni in questi luoghi. I loro risultati si allineano con i declini recentemente riportati in specie vulnerabili come le farfalle, le api selvatiche e le falene, ma suggeriscono anche una grave perdita di biomassa totale degli insetti, suggerendo che l’intera comunità degli insetti volanti è stata decimata negli ultimi decenni.

insetti diminuzione 75 per cento

“Questa diminuzione è stata sospettata da tempo, ma si è rivelata più grave di quanto precedentemente pensato.” commenta il Prof. Caspar Hallmann.

I ricercatori hanno scoperto che questo drammatico declino è stato indipendentemente dal tipo di habitat e che i cambiamenti nel tempo, nell’uso del suolo e nelle caratteristiche degli habitat non sono stati in grado di spiegare il declino complessivo. Suggeriscono quindi che siano coinvolti fattori su larga scala e ulteriori ricerche dovrebbero indagare ulteriormente l’intera gamma delle variabili climatiche e agricole che potrebbero potenzialmente influenzare la biomassa degli insetti. Gli autori richiedono un’ulteriore ricerca delle cause di questo declino, della sua dimensione geografica e del suo potenziale impatto sull’ecosistema.

Ipotizzano che tra i fattori più probabili figurano la distruzione dell’uomo del loro habitat naturale, l’uso di pesticidi e il riscaldamento globale. E secondo me non bisognerebbe escludere l’impatto delle radiazioni elettromagnetiche che sono aumentate esponenzialmente negli ultimi anni e a cui gli insetti sono particolarmente sensibili. Un numero sempre maggiore di antenne radiotelevisive, ripetitori cellulari, elettrodotti e radiazioni satellitari hanno invaso la superficie terrestre come mai era accaduto nella storia dell’umanità.

“Gli insetti costituiscono circa i due terzi di tutta la vita sulla Terra, e ora stiamo vedendo un declino terrificante. Sembra che l’umanità stia rendendo enormi aree di territori inadatte alla maggior parte delle forme di vita, attualmente si trova sulla strada verso l’Armageddon ecologico. Se perdiamo gli insetti, crollerà tutto,” — ha avvertito il professor Dave Goulson dell’università del Sussex, che ha preso parte allo studio.

Riferimento scientifico. Caspar A. Hallmann, Martin Sorg, Eelke Jongejans, Henk Siepel, Nick Hofland, Heinz Schwan, Werner Stenmans, Andreas Müller, Hubert Sumser, Thomas Hörren, Dave Goulson, Hans de Kroon. More than 75 percent decline over 27 years in total flying insect biomass in protected areas. PLOS ONE, 2017; 12 (10): e0185809 DOI: 10.1371/journal.pone.0185809

Registrati per
continuare a leggere
Compila il form qui sotto con il tuo nome ed email e potrai leggere gratuitamente più di 2000 articoli approfonditi sul benessere naturale. Avrai inoltre accesso esclusivo a 4 eBook gratuiti e al nostro gruppo di supporto.
Accetto la Privacy Policy

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni