Di antichissima coltivazione, è citata già nei testi biblici, ove il suo consumo viene temporalmente collocato già prima del Diluvio universale. Dato che non necessita di cottura per essere consumato, si pensa che la fava sia stato il primo legume in assoluto che l’uomo abbia mangiato, già prima del 3.000 a.C.

Della fava se ne faceva largo uso già al tempo degli Egizi, Greci e dei Romani. Soprattutto tra quest’ultimi le fave ebbero un grande successo, consumato in grande durante il periodo glorioso della loro espansione.

E’ curioso che gli antichi ritenevano che la fava, data la conformazione e il colore dei suoi fiori, fosse il mezzo attraverso il quale i morti potevano comunicare col mondo dei vivi, ed anche Plotino affermava che “la fava provoca visioni“.

COSA...

... CONTENGONO LE FAVE

Le fave sono composte per l’80% da acqua, 12% da carboidrati, 5,5% da proteine e la restante percentuale è divisa tra fibre e sali minerali quali (valori per 100 grammi): potassio (200 mg), ferro (1,7 mg), fosforo (93 mg), calcio (21 mg) e sodio (16 mg), mentre le vitamine in esse contenute sono: la vitamina A (10 mcg), vitamine del gruppo B fra cui la B1 (0,11 mg) e la B2 (0,10 mg), la vitamina C (33 mg) e la vitamina E.

LA FAVA DEPURA E RAFFORZA CON FERRO E VIT C

L’alto contenuto di ferro rende le fave particolarmente indicate per chi soffre di anemia. Essendo molto ricche di fibre, le fave contribuiscono all’eliminazione di tossine e scorie e aiutano la regolarità intestinale. La vitamina C presente oltre che a proteggere l’organismo dalle malattie permette anche l’assorbimento del ferro contenuto nelle fave stesse. Il ferro contribuisce al trasporto dell’ossigeno nell’organismo ed è di supporto al sistema immunitario. Contengono anche molto zinco , un minerale essenziale per più di 300 reazioni chimiche nell’organismo e molto importante per la crescita e per lo sviluppo ormonale. Sono anche un’ottima fonte di potassio, un minerale molto importante per il buon funzionamento dei muscoli, del cuore e della pressione.E’ bene ricordare che con la cottura la maggior parte delle vitamine e dei sali minerali delle fave, come di qualsiasi altro legume, vengono persi.

MIGLIORAMENTO E PREVENZIONE DEL PARKINSON CON LE FAVE

Le fave contengono inoltre Levodopa, un precursore della dopamina che è anche il componente principale di alcuni potenti farmaci, quali il Madopar e il Sinemet, utilizzati nel trattamento del Parkinson. Il principale problema provocato dal Parkinson è infatti la perdita, in alcune cellule nervose cerebrali, del neurotrasmettitore chiamato dopamina che non può essere somministrato direttamente. E’ stato osservato che gli benefici effetti delle fave sul Parkinson durerebbero di più rispetto a quelli dei farmaci.

LA FAVA AIUTA AD ELIMINARE LE FOBIE E DISTURBI CORRELATI A STRESS

Il Levodopa una volta assunto, viene trasformato nel neurotrasmettitore dopamina, aumentandone la disponibilità a livello cerebrale e stimolando non solo i centri deputati alla ricompensa e al piacere ma anche interessando la formazione dei ricordi. I ricercatori del Translational Neurosciences Research Center della Johannes Gutenberg University di Mainz hanno scoperto che favorisce il senso di piacere e aiuta ad eliminare i ricordi negativi promuovendo la loro sostituzione con impressioni positive.

LA FAVA HA PROPRIETA’ ANTICANCRO

Le proprietà anticancro delle fave sono state dimostrate da uno studio della australiana Charles Sturt University: i ricercatori hanno scoperto nei test condotti in laboratorio come alcuni componenti della fava siano attivi contro cinque tipi di tumore (quello della vescica, dello stomaco, del fegato, del colon e leucemia promielocitica acuta) accelerando la morte delle cellule cancerogene.

Tanti buoni motivi, sia per il corpo che per la mente, per mangiare la fava. Tuttavia alcune persone, per motivi genetici, non hanno l’enzima per digerirle e quindi posso avere disturbi come febbre, dolori addominali, vomito, anemia, nausea nel giro di 12-24h. Se non siete affetti da questa patologia chiamata favismo, allora fanno proprio per voi!

Leggi anche

La Vitamina D è il più potente antidepressivo naturale

La limonata alla curcuma che tratta la depressione e migliora l’umore

24 usi del Tarassaco: come usarlo per curare stomaco, fegato, verruche e metabolismo

Registrati per
continuare a leggere
Compila il form qui sotto con il tuo nome ed email e potrai leggere gratuitamente più di 2000 articoli approfonditi sul benessere naturale. Avrai inoltre accesso esclusivo a 4 eBook gratuiti e al nostro gruppo di supporto.
Accetto la Privacy Policy

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni